CONFESSIONI

 

Solo nel mezzo della notte puoi trovare il coraggio di confessare a te stesso dove scava il fondo delle tue paure.
Sedici volte sedici non so quanto faccia, ma sono cosciente che sia il numero esatto al quale scatta la parola piangere.
Piangere per una donna, per mille che incontri e che non cancellano il suo viso, per quel figlio che minuto dopo minuto cresce lontano dal tuo sguardo, per quel lavoro che ti permette di respirare un’aria pulita che i tuoi polmoni assorbono come fosse la panacea dei tuoi mali, per quel libro che non hai mai letto e quelli che mai leggerai, per le frasi che non riesci a masticare, per le mani che si fanno callose mentre emetti il fischio del richiamo, per l’odore di caglio che ti aggira le narici, per la merda che calpesti mentre guardi verso il sole che nasce, per il kilometro che aggiungi agli altri mille, per il calice riempito senza neppure più guardarlo, per la collana infilata con mani pensanti, per la corsa affannata verso la fine della giornata, per il grido sordo che ti sale nel ventre, per la scala sempre più ripida ogni anno che passa, per le note di quella canzone che non sei capace di cantare, per ogni coppia di occhi che incroci per la strada, per il tronco di betulla scavato dal tempo, per l’odore del fieno che t’indica la via, per le sedici volte sedici che ti sei maledetto.
Poi, l’alba si annuncia con morbida prepotenza, e abbandoni la mente all’oblio della giornata che entra, quasi sicuro che essa ti porterà un biglietto vincente, il borbottio dei piccioni accompagna la prima sigaretta dopo le mille di ieri.
Ha un sapore netto e deciso, quello che ricordi quando accendesti l’adolescenza per incendiarne gli umori nascenti e sentirti uomo prima del primo pelo di barba.
Ripassi a memoria i tuoi luoghi, e sai di venire e andare per non ammettere che non hai mai avuto un posto completamente tuo.
Il sorriso si dipinge amaro, e ti salva la vita.
Ieri era un altro giorno.

Annunci

2 pensieri riguardo “CONFESSIONI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...