Il nido.

Quando sogno sogno questo.
Un nido.
Nel nido mi sento protetta, il nido mi avvolge e mi veste, posso stringere a me i fili dei ricordi e le trame del futuro, riesco persino a vedermi allo specchio senza dover alzare lo sguardo, a sentire con tutte le singole parti del mio corpo, tranne che le orecchie, a comporre una curva senza soluzione di continuità, nella quale provo a disegnare l’0tt0 sdraiato dell’infinito.
Nel nido mi amo e mi amano, mi metto al sicuro dalla passione, mi incenso di silenzio.
Nessun odore, né sapori, fuori che quelli che voglio io.
Il nido è un graffio che non mi incide la pelle, un bozzolo con dentro la farfalla formata, un metro di giudizio che prescinde da morali e regole, un attimo di vuoto nel pieno del caos esterno.
Il nido ha gesta di vetro, colori della notte e del giorno, sfumature che pervadono.
Nel nido la mia pelle è candida, i miei capelli avvolti, le mie decenze intonse.
Se piango o no, sono solo fatti miei, se sto sorridendo, non lo do a vedere a nessuno, se penso a voce alta, è solo il tempo che mi presta ascolto.

Quando sogno sogno il nido.
Ed è solo mio.
10337709_1035253066488253_5938980436221213441_n

http://wordsocialforum.com/2015/02/06/giovani-prospettive-omaggio-di-parole-a-rosangela-betti/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...